“Bohemian Rhapsody” e Cuaron vincono ai Golden Globes, nessun trionfatore

Tre globi a “Green book”. Il film su Freddie Mercury miglior film drammatico per la stampa estera a Hollywood, Lady Gaga vince per la miglior canzone. Tutti i premi

Rami Malek in "Bohemian Rhapsody"

Rami Malek in "Bohemian Rhapsody"

GdS 7 gennaio 2019
“Green Book” ha vinto tre Golden Globes, “Bohemian Rhapsody” su Freddie Mercury due tra cui quello al miglior protagonista, Rami Malek. Tanti premi sparsi per la stampa estera accreditata a Hollywood, nessun dominatore, il remake “A star is born” con Lady Gaga ha vinto solo per la canzone della popstar mentre aveva ben altre aspirazioni con cinque nomination. Niente per Spike Lee con il suo film sul Ku Klux Klan ma "Green Book" affronta un tema simile sul razzismo: Viggo Mortensen e Mahershala Ali sono un buttafuori di origini italiane e un pianista afroamericano amici negli Usa del sud ai primi anni '60.
“Roma” di Alfonso Cuaron ha vinto i globi come miglior film straniero e il messicano si è conquistato anche il premio come miglior regista.
Migliore attrice drammatica è un'attrice di lunga esperienza, Glenn Close ,“The Wife”. Christian Bale nel ruolo di Dick Cheney miglior attore per “Vice” che pure aveva sei candidature. Non ha vinto niente "Il ritorno di Mary Poppins".
Olivia Colman premiata come la migliore attrice brillante per “La favorita”: interpreta la regina d'Inghilterra Anna all'inizio del '700 i cui favori e potere si contendono a corte Lady Sarah (Rachel Weisz) e Lady Abigail (Emma Stone).

I vincitori per la tv
Nelle serie tv “The Americans”, sullo spionaggio sovietico negli Stati Uniti nella Guerra Fredda, ha vinto come migliore serie drammatica, Michael Douglas ha vinto per “Kominsky Method”, serie vincitrice come migliore serie brillante. Miglior attore: Richard Madden per "Bodyguard", prodotto da Netflix come "Roma" e come “Kominsky Method”.
La miniserie “The Assassination of Gianni Versace” guadagna due globi (migliore miniserie e migliore attore protagonista, Criss Darren). Rachel Brosnahan migliore attrice comica con “La fantastica Mrs Maisel”, prodotta da Amazon.
Il premio alla carriera “Cecil B. DeMille” è andato a Jeff Bridges per il cinema. Quello alla carriera televisiva, novità di quest’anno, è andato a Carol Burnett e il riconoscimento sarà d’ora in poi intitolato all’attrice, una star negli Usa.

Ecco i vincitori dei Golden Globes 2019, assegnati dall'Hollywood Foreign Press Association, per il cinema.

Miglior film drammatico:

Bohemian Rhapsody

Miglior film commedia o musicale:

Green Book

Miglior regista:

Alfonso Cuaron per Roma

Miglior attrice in un film drammatico:

Glenn Close per The Wife

Miglior attrice in un film commedia o musicale:

Olivia Colman per La favorita

Migliori attore in un film drammatico:

Rami Malek per Bohemian Rhapsody

Miglior attore in un film commedia o musicale:

Christian Bale per Vice

Miglior attrice non protagonista:

Regina King per Se la strada potesse parlare

Miglior attore non protagonista:

Mahershala Ali per Green Book

Miglior film straniero:

Roma

Miglior film d'animazione:

Spider-Man: Un nuovo universo

Miglior Sceneggiatura:

Nick Vallelonga, Brian Currie e Peter Farrelly per Green Book

Miglior colonna sonora:

Justin Hurwitz per First Man

Miglior canzone:

"Shallow" in A Star is Born