Addio a Bernardo Bertolucci, l'ultimo imperatore del cinema

Aveva 77 anni ed è morto a Roma. Da tempo era malato. Fu premio Oscar per "L'ultimo imperatore", il regista di "Novecento" e "Ultimo tango a Parigi"

Bernardo Bertolucci

Bernardo Bertolucci

GdS 26 novembre 2018

A 77 anni è morto a Roma Bernardo Bertolucci, unico regista italiano ad aver vinto l’Oscar per il miglior film, “L’ultimo imperatore”. L'autore di pietre miliari del cinema quali "Novecento", "Ultimo tango a Parigi", oltre a titoli come "Il tè nel deserto" e "Piccolo Buddha", era da tempo malato.


 


Bertoloucci venne alla luce 16 marzo del 1941, tra gli scoppi della guerra, a pochi passi dalla tenuta in cui viveva Giuseppe Verdi. L'opera del celebre compaesano lo influenzerà in tutti i suoi film, dove si intrecciano spesso i temi dell'amore e della morte tipici del melodramma romantico. A 15 anni la famiglia si trasferì a Roma. In quegli anni il futuro regista pubblicò la sua prima raccolta di poesie dal titolo "In cerca del mistero" (premio Viareggio opera prima nel '62) e entrò in contatto con Pier Paolo Pasolini. Fu suo assistente nella pietra miliare "Accattone", ottenendo inoltre proprio da Pasolini il suo primo incarico da regista nel 1963 con "La commare secca".


Il film fu il suo lasciapassare per il milieu intellettuale, permettendo a Bernardo di ripetersi nel 1964 con "Prima della rivoluzione". Insieme a Sergio Leone e Dario Argento, Bertolucci firmò la sceneggiatura di "C'era una volta il West" e fu proprio il padre degli spaghetti western ad insegnargli l'uso della cinepresa come occhio privilegiato di un rito collettivo.


Spettatore appassionato della Cinematheque Francaise, scelse la capitale francese come set di "Ultimo tango a Parigi", atto d'amore per la Nouvelle Vague. Per il film ottenne la collaborazione di Marlon Brando, mentre per la protagonista femminile scritturò la sconosciuta Maria Schneider. Il film scandalizzò il mondo intero per le sue immagini forti, che valsero al regista un processo e una condanna in patria (gli ritirano per cinque anni il diritto di voto), oltre al il rogo simbolico delle copie del film. "Amavo e amo la libertà e sono sempre stato contro ogni forma di censura - ha dichiarato Bertolucci - Allora pensavo che il mio destino fosse accomunato a quello di Pasolini e mi sentivo un eroe maledetto. Oggi la vedo diversamente, ma se il mio film ha qualche merito, ci conto anche quello di aver infranto tabù anacronistici".


Il film lo proiettò nell'industria americana del cinema, ma Bertolucci seppe piegare gli Studios alla logica europea. Portò Robert De Niro, Burt Lancaster e Sterling Hayden nella pianura padana, travestendo Donald Sutherland da fascista al fianco della musa Laura Betti. Sono queste le basi di "Novecento", cui seguirono il leggendario "Ultimo Imperatore" (premiato con ben nove Oscar nel 1987), "Il te nel deserto" (1990) e "Piccolo buddha" (1993).


Nel 2003 torna sul tema dell'utopia con "The Dreamers". "Io continuo ad avere l'illusione che un giorno le culture si innamoreranno una dell'altra - dichiarò il regista - Credo fortemente nell'innamoramento delle culture anche se in realta' in Italia vediamo che per esempio tutto questo e' rifiutato. Lo vediamo con l'aumento della xenofobia". L'ultimo film di Bernardo Bertolucci è "Io e Te" del 2012, tratto dal romanzo di Nicolò Ammanniti.