Una festa-film per l’orchestra multietnica di Piazza Vittorio

Domenica l’associazione Apollo 11 proietta il film sulla formazione composta da musicisti di tutto il mondo confluiti a Roma

L’Orchestra di Piazza Vittorio

L’Orchestra di Piazza Vittorio

GdS 7 luglio 2018

Un film-documentario sull’Orchestra di Piazza Vittorio? La compagine multientica più multietnica e musicalmente originale che ci sia? Esiste, è del 2006, è di Agostino Ferrente e potete vederlo domenica 8 luglio alle 21 all’Associazione Apollo 11 a Roma presso l’Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio, 80/a (angolo via Conte Verde). Introduce la cosceneggiatrice del “doc” Mariangela Barbanente. Lo distribuì la Lucky Red. La proiezione conclude la festa “Buon compleanno giardino di Piazza Vittorio. 130 anni di vita in comune. 8 luglio 1888 – 8 luglio 2018”. Il film è preceduto alle 19 dal film “Kedi la città dei gatti” di Ceyda Torun in versione originale con sottotitoli in italiano.


Di cosa parla? Nel 2002 a Roma, nel quartiere popolato da più etnie dell’Esquilino vicino alla Stazione Termini, Mario Tronco (già degli Avion Travel) e Agostino Ferrente con l’associazione benemerita Apollo 11 formavano l’Orchestra di Piazza Vittorio, cuore vivo di quel quartiere. L’idea era pazzesca: riunire musicisti di ogni parte del mondo, pure quelli italiani da generazioni, e creare una formazione musicale che combinasse culture musicali diverse in una miscela più unica che rara.
Non era facile, anche affiancare persone così diverse ha presentato difficoltà come accade nei rapporti umani. Eppure l’esperimento non è più un esperimento da anni, l’Orchestra di Piazza Vittorio ha affrontato pure opere di Mozart (il Don Giovanni, il Flauto magico…), di Bizet (la Carmen) dando linfa a nuove forme sonore.
Vale la pena di citare tutti gli interpreti: “Mario Tronco, Agostino Ferrente, Dina Capozio, Mohammed Bilal, Houcine Ataa, Carlos Paz, Rahis Bharti, Ziad Trabelsi, Omar Lopez Valle, Pap Yeri Samb, Raul Schebba, John Maida, Pino Pecorelli, Peppe D'Argenzio, Marian Serban, Abdel Majid Karam, Amrit Hussain. E con la partecipazione di Pino Marino, Piccola Orchestra Avion Travel, Javier Girotto, Monique Veaute e tutto il gruppo Apollo 11”.


Ingresso gratuito con tessera associativa, se dovete farla o rinnovarla gli organizzatori raccomandano di arrivare con un anticipo di 20-30 minuti.
Per prenotazioni: [email protected] (arrivando almeno 30 minuti prima).