Citto Maselli sceglie Potere al popolo: D'Alema e Bersani vogliono tornare al centro

L'autore si schiera in vista delle elezioni firmando un appello. In Renzi dice di non aver creduto mai. "Serve un progetto alternativo al neoliberismo"

Citto Maselli (youtube)

Citto Maselli (youtube)

GdS 25 gennaio 2018

Citto Maselli, il regista romano dichiaratamente di sinistra, che è stato vicino a Rifondazione Comunista, ha firmato e per primo l’appello per la lista “Potere al popolo”. E non si schiera quindi per Liberi e Uguali come qualcuno poteva immaginare.
In un’intervista al Corriere della Sera l’autore da sempre attento alla vita civica e alla politica avverte di non candidarsi, sta girando un film, e dichiara: “E’ il momento di scendere in campo. Tutti i lavoratori della cultura hanno il dovere etico di proporre un progetto di società alternativo al neoliberismo dei governi di centro destra e centro sinistra”. Renzi non lo ha deluso perché non ci ha mai creduto. E Pietro Grasso, domanda la giornalista Monica Guerzoni? “D’Alema e Bersani vogliono solo tornare indietro, nel partito di centro da cui sono venuti. Mentre la nostra è una forza di sinistra vera, fondata su parole come lavoro, uguaglianza, diritti, antifascismo”.
Toglgono voti a Leu? “Noi siamo nati per portare in Parlamento la voce degli umiliati e offesi. Purtroppo c’è una censura terribile”. E tra Berlusconi e M5S l’autore di film come “Storia d’amore” che nel 1986 rivelò Valeria Golino preferisce i pentastellati.