Nastri d'argento: premiati Faenza e Montaldo

La consegna a Roma, martedì 6 giugno al Museo Maxxi: nel corso della serata, dedicata all'annuncio delle candidature 2017, anche la proclamazione e la consegna dei Nastri 'tecnici' di quest'edizione

Roberto Faenza

Roberto Faenza

GdS 1 giugno 2017

Va a Roberto Faenza, nell'anno de La verità sta in cielo - film "particolarmente sensibile ad un tema scottante come la vicenda ancora misteriosamente aperta di Emanuela Orlandi" - il Nastro d'argento alla carriera 2017. A Giuliano Montaldo invece, stavolta come attore, un Nastro speciale per il film di Francesco Bruni Tutto quello che vuoi, di cui è "straordinario interprete". La consegna a Roma, martedì 6 giugno al Museo Maxxi: nel corso della serata, dedicata all'annuncio delle candidature 2017, anche la proclamazione e la consegna dei Nastri 'tecnici' di quest'edizione. Gran finale sabato 1 luglio al Teatro Antico di Taormina. Lo annunciano i Giornalisti Cinematografici sottolineando che il riconoscimento a Faenza - che festeggia 50 anni di cinema - vuol essere "un omaggio alla sua avventura cinematografica ma anche all'impegno, mai tradito, e alla sua speciale attenzione per l'attualità e per il racconto della realtà".