"La macchinazione" che ora tutti possono vedere

Il doppio Dvd del film di David Grieco su Pasolini esce il 18 ottobre.

GdS 17 ottobre 2016
[i]Volevo rubarvi cinque minuti per dirvi due parole a proposito del doppio DVD del film "La Macchinazione" che esce domani, 18 ottobre.[/i]


Innanzitutto, vorrei farvi sapere che questo doppio DVD rappresenta, almeno per me, la vera e propria uscita del film. In primavera, al cinema ci siamo stati per modo dire, in sale spesso sperdute e sconosciute. Ci aspettavano al varco. Si era parlato tanto di questo film. Ma bastava non farlo trovare per vanificare tutto. L'unico ostacolo, fra i tanti, che non avremmo potuto superare.
Abbiamo cercato di compensare andando a presentare il film ovunque ci invitassero, più di 50 volte. Ma nonostante ciò non smettiamo di ricevere lettere e messaggi di gente che ancora oggi ci chiede dove poter vedere "La Macchinazione".
Eccolo il film, finalmente, alla portata di tutti coloro che desiderano vederlo. Ma non c'è solo il film. In questo doppio DVD, e nel libro "La Macchinazione" (sogno il giorno in cui potranno essere venduti insieme a un prezzo civile, perché sono complementari e indissolubilmente legati) troverete anni e anni di lavoro, non soltanto mio, alla ricerca della verità sulla morte atroce di Pier Paolo Pasolini.


Cito prima di tutto il documentario "Borgata America" che realizzai nel 2002 a San Francisco con Luigi Gabbioneta e Luca Brovelli. Accanto a me c'è il mio amico Sergio Citti, al quale ho dedicato il film "La Macchinazione". Siamo come due borgatari ripuliti in California, sempre attorniati da una folla assetata di notizie su Pier Paolo Pasolini, la sua opera e il "mistero" della sua morte. È stato presentato a suo tempo in vari Festival, è andato in onda su Tele+, ma era non mai stato divulgato in altro modo. Contiene molto materiale raro su Pasolini, tutto proveniente dal Fondo Pasolini che costituimmo tanti anni fa grazie all'ostinazione di Laura Betti.


Sempre nel secondo DVD, c'è un'accurata ricostruzione del Caso Pasolini che dura complessivamente un'ora, a tre voci: la voce principale è quella dell'avvocato Stefano Maccioni, che con la criminologa Simona Ruffini è riuscito a far riaprire le indagini nel 2009 propiziando il ritrovamento di 5 nuovi DNA sulla scena del delitto; la seconda voce è quella di Silvio Parrello detto "Er Pecetto", che conobbe Pasolini da ragazzino nei primi Anni Cinquanta e seppe scoprire alcuni anni fa il ruolo di Antonio Pinna e della seconda Alfa GT nell'uccisione del poeta; la terza voce è la mia.


Il secondo DVD contiene anche il backstage del film, la presentazione di attori e personaggi tutti presi singolarmente, un omaggio ai Pink Floyd che ci hanno concesso il privilegio di usare "Atom Heart Mother" come colonna sonora del film, e soprattutto tutte le scene del film che ho dovuto tagliare.
Dovete sapere che il film, dopo il primo montaggio, durava quasi mezz'ora di più. L'ho dovuto tagliare per mille motivi. Motivi di ritmo, ma anche altri motivi.


Volevo raccontare molto di più del Pasolini che ho conosciuto, volevo rappresentare anche altri aspetti del rapporto con sua madre, volevo mostrare che Pasolini era un uomo spesso allegro che amava gli scherzi, a dispetto di quell'immagine falsa, rigida e ieratica, che tutti sembrano prediligere.
Troppe cose per un solo film. Ma ora se vorrete le potrete vedere, e soprattutto le potranno vedere gli attori e non attori che mi hanno dato l'anima senza riuscire poi a rivedersi sullo schermo. Mi scuso ancora con loro, sperando che questo doppio DVD possa compensare il loro dispiacere.


Grazie per l'attenzione


[right][i]David Grieco [/i][/right]