Riparte l'Eredità con numeri da record. Conti commosso ricorda Frizzi

Il conduttore visibilmente emozionato e commosso ha aperto la puntata dicendo: vorrei essere ovunque tranne che qui. Però ci sono. Poi ha ringraziato tutto lo studio per l'affetto dimostrato

Carlo Conti e Fabrizio Frizzi

Carlo Conti e Fabrizio Frizzi

GdS 4 aprile 2018

C'era attesa, mista anche a rimpianto, per il ritorno dell'Eredita' dopo la scomparsa di Fabrizio Frizzi, e il pubblico di Rai1 non ha tradito il programma del preserale che ha visto a lungo protagonista il popolare conduttore. La puntata di ieri, affidata a Carlo Conti, che con Frizzi faceva la staffetta nella conduzione, ha registrato 5 milioni 91mila spettatori e uno share del 25,6%. Numeri importanti.


La puntata del 3 aprile si è aperta con il conduttore toscano al centro dello studio, senza i concorrenti o le professoresse al suo fianco. Conti ha mostrato le chiavi che tante volte si sono scambiate con Frizzi e, visibilmente emozionato, ha ricordato il suo grande amico: "«Eccomi qua, in questo studio. Queste sono le chiavi che tante volte io e Fabrizio ci siamo scambiati. Oggi tornano a me in maniera forzata. Lui era il pilota, io il copilota. Lui l'insegnante di ruolo, io il supplente. Credetemi, oggi vorrei essere in qualsiasi altra parte del mondo, escluso che in questo studio. Però ci sono», ha detto Conti con la voce rotta dall’emozione e gli occhi lucidi.
«Dico solo grazie a questo studio che in questi mesi ha coccolato Fabrizio, lo ha supportato. Grazie alle professoresse, alla regia, ai nostri cameramen, al trucco, al parrucco. Grazie a tutti voi», ha aggiunto il conduttore prima di dare il via ufficiale al gioco, con l’ingresso dei concorrenti.

commenti