Addio al maestro Bruno Canfora, le sue sigle televisive sono nella leggenda

Aveva 92 anni: le sue musiche interpretate Mina, Rita Pavone, Rocky Roberts e le Gemelle Kessler

Mina e Bruno Canfora

Mina e Bruno Canfora

GdS 6 agosto 2017

Un mito della tv in bianco e nero, ma soprattutto un raffinato autore oltre che direttore d'orchiestra: è morto all'età di 92 anni il celebre direttore d'orchestra Bruno Canfora, nella sua casa in Valnestore, vicino Tavernelle, alle porte di Perugia, dove è vissuto dopo il ritiro dalle scene. La famiglia ha celebrato le esequie in forma privata, con una cerimonia religiosa nel locale cimitero. Canfora ha segnato un'epoca musicale e televisiva.
Con le sue canzoni sono cresciute generazioni e hanno fischiettato e ballato motivi straordinari, all'epoca cantati da altrettanti straordinari interpreti come Mina, Rita Pavone, Rocky Roberts e le Gemelle Kessler. Si devono a Canfora infatti, le musiche di sigle televisive e di canzoni italiane diventate famose nel mondo come 'Fortissimo', 'Il ballo del mattone', 'Il geghegè'. Per Mina, il maestro arrangiò, tra le altre, 'Mi sei scoppiato dentro il cuore', 'Due note', 'Sono come tu mi vuoi', 'Vorrei che fosse amore', 'Zum zum zum', e 'Brava', di cui Canfora scrisse anche le parole.
Sua la direzione d'orchestra dei più popolari programmi televisivi degli anni sessanta, da Studio Uno, a Senza Rete, Sabato Sera, e varie edizioni di Canzonissima. Ma fu anche direttore artistico del Festival di Sanremo. Canfora avrebbe compiuto 93 anni il prossimo 6 novembre.