Morto Jean d'Ormesson, scrittore, filosofo e giornalista

Aveva 92 anni. Deceduto per una crisi cardiaca, è stato una delle menti più brillanti del giornalismo francese. Aveva diretto Le Figaro

Jean d'Ormesson

Jean d'Ormesson

GdS 5 dicembre 2017

Si è spento a 92 anni, per una crisi cardiaca, lo scrittore, filosofo e giornalista francese Jean d’Ormesson. Lo ha reso noto la famiglia, con un comunicato alla France presse.


D'Ormesson è morto la notte scorsa nella sua casa di Nerully, secondo quanto ha spiegato la figlia Héloise.


Nato nel 1925 come Jean Bruno Wladimir François de Paule Lefèvre d'Ormesson, discendente di famiglia nobile. Il padre era un diplomatico, al seguito del quale trascorse i primi anni di vita.


Figura di primissimo piano della cultura francese, era stato alto funzionario della commissione culturale dell’Unesco, membro dal 1973 dell’Académie français (a 48 anni è stato il più giovane di sempre ad esservi ammesso) e direttore de Le Figaro, il quotidiano conservatore che considerava la sua famiglia e che guidò per due anni, dal 1974 al 1976.


Nel 2015 la sua opera è entrata nella prestigiosa Bibliothèque de la Pléiade, edita da Gallimard. Tra i suoi libri più famosi (nella quarantina di opere che ha scritto)  ''La gloria dell’Impero'', ''A Dio piacendo'' e ''Il romanzo dell’ebreo errante''.