A la Zanzara Cruciani e Sgarbi cazzeggiano sulla 'figa siciliana'

In fascia protetta un duo insulso iper-machista sul cui contenuto lasciamo al giudizio delle donne siciliane e non solo

Cruciani e Sgarbi

Cruciani e Sgarbi

GdS 30 settembre 2017

di Adelmina Meier
Cruciani e Sgarbi, due che sono fortemente convinti d'essere superiori, intelligenti come nessun altro, e che per questo pensano d'essere stati sdoganati da Dio per poter dire impunemente minchiate. Sgarbi, quello che aveva annunciato la propria candidatura in Sicilia per poi trattare una poltrona nel caso di una vittoria del centro destra, con presidente quel Nello Musumeci che Sgarbi fortemente disprezza, è ospite di Cruciani a "La zanzara", la trasmissione quotidiana di Radio24 di Confindustria. Spazio radiofonico che ogni giorno calpesta le regole dettate per legge a protezione dei minori, farcendo la trasmissionne di oscenità sempre più pesante per puntare al ventre e al basso ventre del pubblico radiofonico. Tutto in fascia protetta, perché la radio non ci pare esentata dal rispetto delle regole dettate a protezione dei minori. E le cose che si dicono a "La zanzara" in fascia protetta se ripetute per un millesimo in un canale radiofonico e televisivo del servizio pubblico farebbero scandalo e manderebbero a casa qualcuno. Invece, no, Cruciani se ne fotte e va avanti, con disprezzo delle regole e con ostentazione di questa convinta impunità. Chi deve far rispettare le regole non sente e tace, la Confindustria è lì, a fare quattrini, dietro rassicuranti abiti e cravatte.
Andiamo all'ultima minchiata targata Cruciani-Sgarbi. Il primo chiede:"Com'è la figa siciliana?". Il secondo risponde: "Nessuna figa è migliore di quella siciliana...", e si dilunga sulle ragioni di questa sentenza. Incalza Cruciani:" Forse sono poco depilate...in Sicilia trovi donne poco depilate...". La risposta di Sgarbi è sulla linea dell'intelligenza indiscussa che unisce conduttore ed ospite. Un duo insulso che lasciamo al giudizio delle donne siciliane. Quello si, le donne siciliane non hanno peli sulla lingua. Sapranno rispondere con vera intelligenza, non quella presunta.