Domanda al Gr1: che c'entra Rosa Balistreri con Totò Riina?

Copertina dedicata al capo di Cosa Nostra a commento la musica di Rosa. Ma lei cantava i poveri Cristi e non il fango

Rosa Balistreri

Rosa Balistreri

GdS 7 giugno 2017

Martedì mattina, al Gr1 delle 8, copertina dedicata all'affaire Totò Riina. Ne parleremo. Intanto - mio pensiero - sciagurata fu l'idea di fare ogni mattina, sempre e comunque, una copertina. Il rischio di farla approssimativa, se non sconclusionata, è quotidiano. Peraltro, spesso è assai lunga da apparire una pesante trapunta, più che una copertina. E poi, ogni giorno e comunque la copertina anziché i titoli, appare un rischioso azzardo. Auspicabile che si pren...da la decisione di tornare ai titoli, riservando l'ipotesi della copertina ( non trapunta ) agli eventi eccezionali. Comunque, andiamo alla copertina delle 8 su Riina. A commento musicale dell'accozzaglia di sonori c'era una delle straordinarie canzoni, drammatiche e struggenti, di Rosa Balistreri. Come possa sposarsi con la vicenda del boss di Cosa Nostra, mi riesce difficile capirlo. Rosa cantava i poveri Cristi, non il fango. Non aggiungo altro, se non il testo della canzone scelta:


 


Malidittu ddu mumentu
ca graprivu l'occhi nterra
nta stu nfernu.
Sti vint'anni di turmentu
cu lu cori sempri nguerra
notti e jornu.
Terra ca nun senti
ca nun voi capiri
ca nun dici nenti
vidennumi muriri!
Terra ca nun teni
cu voli partiri
e nenti cci duni
pi falli turnari.
E chianci chia…
Ninna oh!
Malidittu… tutti st'anni
cu lu cori sempri nguerra
notti e jornu.
Malidittu cu t'inganna
prumittennuti la luci
e a fratillanza.