La verità sulla morte di Frizzi: sapeva che gli restava poco da vivere

Dopo l'ischemia gli hanno trovato delle metastasi al cervello ma lui ha deciso di lavorare lo stesso fino all'ultimo.

Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi

GdS 29 marzo 2018

Arrivano nuove conferme sulla vera causa della morte di Fabrizio Frizzi, noto conduttore televisivo morto Lunedì 26 marzo nella sua Roma all’età di 60 anni compiuti da appena un mese. E’ stato il direttore di Chi, Alfonso Signorini, a rivelare ulteriori dettagli sulla malattia di Frizzi, in diretta TV durante la puntata di Matrix.


Signorini ha spiegato che “Lui sapeva che non aveva scampo. E questo è molto importante da sottolineare, perché quando ha avuto quella ischemia che l’ha portato al ricovero immediato all’ospedale, ad Ottobre, dagli esami di questa ischemia è risultato che aveva dei tumori diffusissimi che erano inoperabili. E questa cosa è stata messa al corrente non soltanto della famiglia ma anche di lui. E Fabrizio a quel punto era a un bivio: o rimanere a casa e aspettare il momento oppure andare in televisione a fare il suo lavoro e a portare ancora una volta il sorriso a casa della gente. È questo il vero miracolo che ha fatto Fabrizio Frizzi“.




commenti