Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Ultime:


CINEMA

Sono 30 anni di risate con i Simpson

Il 19 aprile 1987 veniva trasmessa per la prima volta una puntata della saga familiare più irriverente che ci sia. Il primo cartone per adulti che non ha mai escluso i bambini.

Redazione1
mercoledì 19 aprile 2017 18:30

I Simpson
I Simpson

Era il 19 aprile 1987 quando per la prima volta veniva trasmessa una puntata della saga familiare più irriverente degli Stati Uniti: I Simpson. Allora è proprio il caso di dirlo: tanti auguri. Perché oggi questo ha superato le seicento puntate, ha vinto la bellezza di 32 Emmy, ottenuto una stella nella Hollywood Walk of Fame ed è assurto di diritto nell'olimpo della pop-culture, al pari di un Ritorno al Futuro, di un Guerre Stellari o del suo 'antenato' I Flinstones.

In Italia è arrivata nel 1991, prima su Canale 5, poi su Italia 1, dove continua a tenere incollati milioni di telespettatori subito dopo pranzo. All'inizio c'è chi tacciò i Simpson di volgarità, immoralità e via degradando. Scesero in trincea contro questa famiglia apparentemente sui generis i guardiani del buon costume a stelle e strisce. Ma il suo successo travolgente spazzò via bacchettoni di ogni tipo.

La famiglia più gialla che ci sia fa ridere, riflettere, lascia i telespettatori con sorrisi talvolta amarognoli. Di sicuro ha fatto innamorare. Mai banale e sempre brillante. È la parodia pura della società americana pronta, forse per la prima volta a ridere e riflettere su se stessa. Sui suoi vizi, le sua stranezze, le sue esagerazioni.

Il primo cartone per adulti che non ha escluso i bambini. Il debutto dei Simpson sul piccolo schermo avvenne la sera del 19 aprile 1987 durante il Tracey Ullman Show. Il formato era quello di un corto da un minuto. La formula andò avanti fino a due anni dopo.

I personaggi del cartone creato da Matt Groening portano il nome dei suoi reali familiari: i genitori Homer e Marge e le sorelle Lisa e Maggie. Bart avrebbe dovuto chiamarsi Matt come il fumettista, ma scelsero di dargli il nome che conosciamo in quanto anagramma della parola "brat" che tradotto vuol dire "monello".

Nel 1999 la rivista Time acclama I Simpson come "miglior serie televisiva del secolo". Lo stesso magazine, l'anno precedente, aveva definito Bart Simpson la 46/a persona più influente del XX secolo. Bart e Lisa si sono classificati, invece, all'11/o posto tra i "50 migliori personaggi animati di tutti i tempi" di Tv Guide.