Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Ultime:


CINEMA

Netflix completerà il film di Orson Welles: The Other Side of the Wind

L'idea di Welles era raccontare il mondo del cinema americano proprio a cavallo tra la fine del cinema degli studios e l'inizio del cinema indipendente

Redazione1
mercoledì 15 marzo 2017 12:32

Orson Welles
Orson Welles

il servizio di streaming manterrà i diritti di sfruttamento globali sull'opera, che sarà montata e postprodotta seguendo le indicazioni che lo stesso gigante del cinema lasciò, sotto forma di appunti. Welles girò The Other Side of the Wind nell'arco di cinque-sei anni, dal 1970 al 1976, tra mille problemi finanziari e legali, che hanno bloccato il completamento del lavoro fino alla sua morte, avvenuta come ricordiamo nel 1985. Da allora il negativo originale è passato di mano in mano, persino attraverso una campagna di crowdfunding recente per finanziare i lavori. Tutto sembrava essersi nuovamente fermato, almeno finché Netflix, confermando un grande impegno per l'audiovisivo che va oltre la mera distribuzione, non ci ha messo le mani.

Trama. Il film vede John Huston nei panni di un anziano regista di Hollywood, Jake Hannaford, che cerca di tornare sulla breccia con un'ultima opera, intitolata appunto The Other Side of the Wind, ma muore la notte dopo la festa di completanno per i suoi 70 anni. Chi era Hannaford? The Other Side of the Wind è girato in uno stile molto libero, da "film nel film", alternando fiction e documentario, nonché vari stili di ripresa, in vari formati (8, 16, 35mm), a colori o in bianco e nero. L'idea di Welles era raccontare il mondo del cinema americano proprio a cavallo tra la fine del cinema degli studios e l'inizio del cinema indipendente, impegnato e "artistico" degli anni Settanta (ammiccando pure a Michelangelo Antonioni), con un lavoro altamente sperimentale, di cui negli anni si sono viste solo poche sequenze.