Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Ultime:


MUSICA

Parigi, all'asta quindicimila dischi dei Beatles

Si tratta di una collezione privata. Il materiale battuto a marzo all'Hotel Drouot

Redazione1
mercoledì 21 dicembre 2016 10:41

The Beatles
The Beatles

A quasi quarant'anni dal loro scioglimento i Beatles continuano a godere di un successo di pubblico, passato di generazione in generazione, e commerciale eguagliato, forse, solo da Elvis. Proprio quest'anno Ron Howard ha realizzato un fortunato quanto emozionante documentario, The Beatles: Eight Days a Week, con il quale ha ripercorso il dietro le quinte degli anni passati in tour da John, Paul, George e Ringo portando in sala un numero impressionate di spettatori. E tra i tanti fan del quartetto di Liverpool sono in molti quelli che nel corso degli anni hanno collezionato qualsiasi oggetto dedicato ai musicisti. Proprio come Jacques Valcouve, sessantenne parigino, che d'un tratto ha deciso di mettere all'asta la sua gigantesca collezione dei Fab Four: quindicimila dischi, libri, poster, autografi e oggetti diversi. L'ambito materiale andrà all'asta il 18 marzo 2017, tra le mura dell'Hotel Drouot di Parigi.

"La passione, l'amore, per i Beatles dura in pratica da tutta la vita - spiega Jacques al sito tio.ch - Più precisamente dal momento in cui ebbi modo di ascoltare per la prima volta "A Hard Day's Night": era il 1964, avevo otto anni". Già all'inizio degli anni Settanta, da adolescente, veniva considerato un vero e proprio esperto della band e, per questo, è stato spesso invitato a prendere parte a programmi radiofonici e tv "Con quanto riuscirò a raccogliere vivrò sicuramente meglio la mia vecchiaia. Anche perché, ora come ora, mi ritrovo a non avere più delle entrate mensili..." ha concluso il collezionista.