Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Ultime:
Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



MUSICA

Al Conservatorio di Torino un concorso per scegliere il nuovo Inno d'Italia

I nuovi inni sono stati valutati da una giuria presieduta da Luca Lombardi e composta da Cristian Carrara, Giulio Castagnoli, Roberto Prosseda ed Elio

mercoledì 30 novembre 2016 15:21

Conservatorio di Torino
Conservatorio di Torino

Un nuovo inno, che non si sostituisca a quello di Mameli ormai entrato a far parte della nostra storia, ma che sappia raccontare l'Italia di oggi. E' quanto si propone di fare l'originale concorso Michele Novaro - autore torinese della musica dell'Inno di Mameli - che domani vedrà sfidarsi al Conservatorio di Torino i tre finalisti scelti tra i 40 compositori di tutto il mondo che vi hanno preso parte. Il concorso è promosso dall'Associazione Mendelssohn ed è sostenuto da Italgas. I nuovi inni sono stati valutati da una giuria presieduta da Luca Lombardi e composta da Cristian Carrara, Giulio Castagnoli, Roberto Prosseda e Stefano Belisari, più noto come Elio del gruppo Elio e le Storie Tese, ex giurato di X-Factor dal background musicale 'classico'. "Me lo hanno chiesto Lombardi e Prosseda, colleghi con cui collaboro da anni e l'idea mi è subito piaciuta", spiega Elio. I tre brani in finale sono del torinese Daniele Di Virgilio, del veronese Alessio Manega e di Chia-Ying Lin, di Taiwan.