Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Ultime:
Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



MUSICA

Mash: il festival che porta a Milano le musiche del mondo

Si terrà dall'1 al 4 dicembre a Milano MASH, una rassegna dedicata alla musica internazionale e alle tecnologie digitali organizzata da S / V / N /.

Redazione1
mercoledì 30 novembre 2016 14:35

DJ/rupture. (Dr)
DJ/rupture. (Dr)

Il festival, che ha in programma conferenze, proiezioni cinematografiche e concerti, ospiterà musicisti come i libanesi Mazen Kerbaj e Rabih Beaini, il duo jazz britannico Yussef Kamaal e lo statunitense DJ/rupture.

MASH si svolgerà in diversi luoghi della città lombarda: il Mudec - Museo delle culture, lo spazio Base in via Tortona e il Biko in via Ettore Ponti, e il ristorante Buka.

Il festival è dedicato soprattutto alla cosiddetta world music. Il termine world music è nato negli anni ottanta, a fini commerciali, per identificare tutta la musica non occidentale. Diversi musicisti, come David Byrne, hanno criticato questa definizione, definendola stereotipata e colonialista. Negli ultimi anni, con la diffusione di internet, i confini geografici tra i generi sono stati progressivamente abbattuti e il concetto di world music ha perso il suo significato originale.

MASH si aprirà il 1 dicembre con una discussione sul ruolo della musica nelle situazioni di conflitto, alla quale parteciperanno il musicista iraniano Ata Ebtekar (Sote), l'operatore culturale turco Baris Bilenser e l'artista visivo, fumettista e musicista libanese Mazen Kerbaj. Sempre dal Libano proviene il produttore Rabih Beaini, che insieme a Kerbaj eseguirà Multiplied, una performance di improvvisazione per tromba e sintetizzatori modulari dal vivo.

Per i dettagli sugli eventi e i biglietti si può consultare il sito di MASH.

Di seguito, il programma completo del festival.

Giovedì 1 dicembre Mudec - Museo delle culture, via Tortona 56 18.15-22.15

Sonic impact: il suono nelle situazioni di conflitto. Dibattito con Mazen Kerbaj, Baris Bilsener, Ata Ebtekar. Modera la giornalista Francesca Lancini (Le Monde Diplomatique) Mazen Kerbaj e Rabih Beaini, live performance Base, via Bergognone 34 20.30-21.00 Visita guidata gratuita della mostra Seismographic sounds

Venerdì 2 dicembre Mudec - Museo delle Culture, via Tortona 56 18:15 - 19:15

The museum as a battlefield: archivi e polveriere virtuali. Proiezione del film Wildness, a seguire conversazione con il critico Riccardo Conti Base, via Bergognone 34 22.00-03.00 (in coproduzione con Disco_nnect Music)

Roly Porter & MFO - Third law a/v live performance, anteprima italiana Helm - Helm plays Muslimgauze, dj set, anteprima italiana Sote, visuals by Boris Vitázek - a/v live performance - anteprima italiana Don't Dj - live performance

Sabato 3 dicembre Mudec - Museo delle culture, via Tortona 56 15.00-20.00 World Music 2.0: come circolano i "suoni del mondo" nel mondo globalizzato e iperconnesso

Proiezione del film A magical substance flows into me Dibattito e presentazione del libro Uproot di Jace Clayton aka DJ/rupture. A seguire incontro con il giornalista Andrea Girolami e Simone Bertuzzi (Palm Wine)

Dibattito Authentic exoticism, con Florian Meyer aka Don't DJ Ascolto di Kimera zones dei Primitive Art Biko, via Ettore Ponti 40 22.00-03.00

Sixtus Preiss - live performance Yussef Kamaal - live performance Turbojazz - dj set

Domenica 4 dicembre Buka Mondo, viale Piceno 3 19.00-02.00 (in collaborazione con Elita)

Yør Kultura - dj set - anteprima italiana DJ/rupture - dj set Joseph Tagliabue - dj set