Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Ultime:
Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



DOLCE VITA 2.0

Il Calendario Pirelli 2017 "spoglia" l'anima

La Pirelli quest'anno si è affidata alla sensibilità dell'affermato fotografo tedesco Peter Lindbergh

Redazione1
martedì 29 novembre 2016 12:26

Uma Thurman
Uma Thurman

A Parigi Pirelli è stato presentato The Cal 2017, la nuova edizione dell'iconico calendario della Pirelli che quest'anno si è affidata alla sensibilità dell'affermato fotografo tedesco Peter Lindbergh che ha voluto esaltare la bellezza femminile più reale e autentica con la partecipazione di 14 attrici di fama mondiale.

A spiegare il filo conduttore del Calendario Pirelli 2017 è lo stesso fotografo: "In un'epoca in cui le donne sono rappresentate dai media e ovunque come ambasciatrici di perfezione e bellezza, ho pensato fosse importante ricordare a tutti che c'è una bellezza diversa, più reale, autentica e non manipolata dalla pubblicità o da altro. Una bellezza che parla di individualità, del coraggio di essere se stessi e di sensibilità". Il titolo "Emotional" scelto da Lindbergh vuole quindi sottolineare come l'intento dei suoi scatti sia stato quello "di realizzare un Calendario non sui corpi perfetti, ma sulla sensibilità e sull'emozione, spogliando l'anima dei soggetti, che diventano quindi più nudi del nudo".

Le 14 attrici sono: Jessica Chastain, Penelope Cruz, Nicole Kidman, Rooney Mara, Helen Mirren, Julianne Moore, Lupita Nyong'o, Charlotte Rampling, Lea Seydoux, Uma Thurman, Alicia Vikander, Kate Winslet, Robin Wright, Zhang Ziyi. Alle attrici ha inoltre affiancato Anastasia Ignatova, docente di Teoria Politica presso la MGIMO, l'Università Statale di Mosca per le Relazioni Internazionali. Scelte che testimoniano, ancora una volta, l'amore di Lindbergh per il cinema e che hanno reso la 'Cité du Cinéma' di Saint Denis, uno degli studio di produzione cinematografica più importanti d'Europa, la location naturale per la tradizionale cena di gala in cui viene presentato il nuovo Calendario. "L'obiettivo - spiega Lindbergh - era quello di ritrarre le donne in modo diverso: l'ho fatto chiamando attrici che hanno avuto nella mia vita un ruolo importante e fotografandole avvicinandomi a loro il più possibile. Come artista sento la responsabilità di liberare le donne dall'idea di eterna giovinezza e perfezione. L'ideale della bellezza perfetta promossa dalla società è un obiettivo irraggiungibile".